Chiusa la Call Bioupper: un grande successo

14657385_1235956376461895_5316125023288991839_n
Progetti

30% di iscrizioni in più rispetto al 2015: sono 151 le candidature raccolte per la seconda edizione di BioUpper. Dai dati raccolti, emerge che il 79% dei partecipanti sogna di creare una propria start up proprio grazie al programma promosso da Novartis Italia e Fondazione Cariplo, che sostiene i giovani talenti che vogliono creare un’impresa nel settore delle scienze della vita, attraverso un modello unico che offre che training, accelerazione, networking e fondi di investimento per i tre vincitori per 150 milia euro.

 

BioUpper

 

Il concorso ha attratto un numero anche più alto di aspiranti Startupper (circa 180), ma da un’accurata valutazione dei criteri di ammissibilità non tutti i progetti sono risultati validi.

Quest’anno, il 21% dei partecipanti ha già creato una start up, in quanto il programma è stato esteso anche alle società fondate da non oltre 12 mesi dalla data di candidatura, con l’obiettivo di dare spazio alle realtà neocostituite che vogliono continuare a progredire attraverso il percorso offerto da BioUpper.

A livello anagrafico, è buona la percentuale delle donne (39%) anche se prevalgono gli uomini (61%). Circa la metà dei partecipanti è under 35 (47%) ma è alta anche la partecipazione di over 45 (21%), a conferma che, in particolare nelle scienze della vita, lo slancio innovativo dei più giovani si coniuga con l’esperienza scientifica dei quarantenni. Nei team che hanno consegnato il progetto, inoltre, il 9% rientra nella fascia dei “giovanissimi” under 24. Dal punto di vista geografico, la regione con il più alto numero di candidature presentate è la Lombardia, in testa con il 26%, e a seguire il Lazio (12%) e la Campania (11%). Il desiderio di dare vita a una start up è comunque diffuso in tutta la Penisola, con il Nord che rappresenta il 52% dei progetti, il Centro il 21% e il Sud il 28%.

La prima edizione di BioUpper è stata una opportunità per tutti i partecipanti. Il 90% dei progetti è tuttora operativo e, oltre ai primi tre team che hanno vinto 150 mila euro in voucher, il 17% di questi ha raccolto fondi pari a 195 mila euro. Ben il 74% dei team, poi, si è costituito in impresa, il 42% ha strutturato una partnership e il 37% è in fase di brevettazione.

La prossima tappa della seconda edizione di BioUpper sarà la settimana di formazione in programma dal 12 al 17 dicembre presso la sede di Cariplo Factory a Milano; obiettivo della settimana di formazione è supportare i 20 team selezionati dalla giuria a tradurre la propria idea in un modello di business.

Back to top

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter